Egitto, Etiopia e Sudan hanno concordato su cui le imprese potranno effettuare studi sul potenziale impatto del grande Rinascimento diga dell'Etiopia sul flusso del Nilo, i loro ministri degli esteri e l'acqua ha detto.

Cairo e Addis Abeba erano stati precedentemente bloccato in una guerra amara di parole oltre il progetto di Etiopia $ 4 miliardi.

Ma a marzo, i leader dei tre paesi hanno firmato un accordo di cooperazione nella capitale sudanese Khartoum, che ha aperto la strada per un approccio comune per l'approvvigionamento idrico regionale.


LEGGI TUTTO: Hydro la diplomazia sul Nilo


A seguito di una riunione di due giorni di Egitto, Etiopia e ministri degli esteri e l'acqua del Sudan, capo della diplomazia di Khartoum, Ibrahim Ghandour, il Martedì ha detto che due imprese francesi BRL e Artelia erano stati sfruttati per il lavoro.

Studi tecnici inizieranno a febbraio, quando i sei ministri si incontreranno di nuovo, e vi porterà tra i sei ei 15 mesi, Moataz Mousa, il ministro sudanese acqua, ha detto.

 

I principi del contratto di marzo inclusi dando priorità ai paesi a valle per l'energia elettrica prodotta dalla diga, un meccanismo per la risoluzione dei conflitti, e di fornire il risarcimento dei danni.

I firmatari sono inoltre impegnati a proteggere gli interessi dei paesi a valle quando bacino della diga è piena.

Addis Abeba è stato a lungo lamentato del fatto che Cairo è stato pressioni paesi donatori e finanziatori internazionali di trattenere il finanziamento dalla diga 6.000 megawatt, che viene costruito da più grande impresa di costruzioni in Italia Salini Impregilo Spa.


LEGGI TUTTO: La tensione cavalcato idro-politica del Nilo


Egitto, che si basa quasi esclusivamente sul Nilo per l'agricoltura, l'industria e l'utilizzo di acqua domestico, ha chiesto assicurazioni che la diga non tagliare in modo significativo il flusso della sua popolazione in rapida crescita.

Anche prima sono stati avviati gli studi di impatto, i funzionari dicono il 50 per cento della costruzione della diga è stata completata.

"Siamo soddisfatti dei risultati di questo incontro e vediamo l'ora di realizzare una partnership strategica", ha dichiarato Sameh Shoukry, il ministro degli esteri egiziano.

Etiopia, la sorgente del Nilo Azzurro, che si unisce al Nilo Bianco a Khartoum e gira su in Egitto, dice la diga non interrompere il flusso. Si spera che il progetto si trasformerà in un centro di potere per la regione di energia elettrica-fame.


Leggi tutto: La storia del Nilo e Tis Abbay


"Vediamo l'accordo su queste aziende il progresso e vediamo l'ora di attualizzare gli interessi dei tre paesi. Crediamo che la diga sarà utile per i tre paesi", ha detto Tedros Adhanom, il ministro degli esteri etiope.

Il Grand Renaissance Dam è il fulcro dell'offerta di Etiopia per diventare il più grande esportatore di energia dell'Africa. Addis Abeba prevede di spendere circa $ 12 miliardi su sfruttando i suoi fiumi per la produzione di energia idroelettrica nei prossimi due decenni.

L'articolo originale a questo infirizzo web:http://www.aljazeera.com/news/2015/12/egypt-ethiopia-sudan-sign-deal-nile-dam-151230105650388.html